Orto in autunno: quali piante coltivare nei mesi più freddi

0

Posted by Vigorplant | Posted in Il Mio Orto | Posted on 21-09-2018

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Orto in autunno

Coltivare un orto in autunno è possibile e sono molte le piante su cui possiamo puntare. L’autunno e l’inverno sono considerati generalmente mesi freddi, nei quali la natura si riposa e accumula acqua e sostanze nutritive per svegliarsi nuovamente la primavera successiva. In realtà a ottobre, vengono raccolti i frutti di alberi come meli, castagni e olivi e si comincia a vendemmiare per preparare buoni vini. Ma in questo periodo dell’anno abbiamo anche la possibilità di coltivare l’orto con colture specifiche adatte per i mesi freddi.

ORTO IN AUTUNNO: QUALI PIANTE

Le verdure più tipiche da coltivare nei mesi freddi sono quasi tutte piante a foglia larga, come Cavoli, Verze, Spinaci, Biete, Cicoria, Rucola, Lattuga e Scarola. Se seminati in estate, possiamo cominciare a raccoglierli a dicembre. Altri ortaggi tipici di autunno e inverno sono Cavolfiori, Broccoli, Carciofi, Asparagi e Cavoletti di Bruxelles; più le temperature scendono, più diventano gustosi.

Altri tipi di piante coltivabili in autunno e inverno sono le bulbacee comuni come Aglio, Porri, Cipolla o piante come il Ravanello. Giovando di una scorta sotterranea di liquidi e nutrienti e preferibilmente di un telo di protezione per le circostanze più avverse, possono affrontare anche temperature molto rigide senza paura.

Ma anche le erbe aromatiche più note nella nostra cucina possono essere incluse tra le piante da coltivare nei mesi freddi: Salvia, Rosmarino, Timo, Origano, oppure altre piante perenni come la Melissa e la Menta. Se esposte in luoghi molto soleggiati possono resistere quasi indenni fino alla primavera successiva.

CONSIGLI PER L’AUTUNNO

Coltivare un orto in autunno può richiedere qualche accorgimento in più di quanto succede per la maggior parte di piante che fiorisce e fruttifica tra primavera ed estate. È necessario infatti prevedere, dopo la semina, uno strato di pacciamatura di foglie secche o corteccia, in modo da coprire i germogli durante i periodi più rigidi.

In compenso, ci si può concedere parecchio tempo in più aspettando a innaffiare, perché è molto probabile che sarà la natura a pensarci per noi.

Write a comment